Incontri Meetic / Benvenuti / Love Your Imperfections / Imperfezione #2: essere sempre in ritardo
share on facebook

Imperfezione #2: essere sempre in ritardo

Getty Images

Un vero classico intramontabile: sei sempre di corsa, hai mille cose da fare e solo 24 ore al giorno, perdi la nozione del tempo, arrivi in ritardo. Sempre. E il fatto di farti sempre aspettare scatena diverse reazioni nelle persone, più o meno piacevoli.

Essere sempre in ritardo è un’imperfezione sopportabile o farebbe spazientire anche un tipo come Gandhi?

CASO 1: SEI TU CHE ARRIVI IN RITARDO

Traffico bloccato, decidi di prendere i mezzi pubblici, ma sono strapieni, devi aspettare la prossima metro o il prossimo bus perché in quello che è appena passato non c’era spazio nemmeno per un filo d’erba (e tu ultimamente hai anche preso qualche chiletto, nessuna speranza di entrare…).

Oppure: la tua migliore amica è stata appena lasciata, ti ha bloccato al telefono per ore e sei stata così carina da consolarla, non potevi tirarti indietro.

Tutte scuse validissime per giustificare il fatto di essere in ritardo, d’altronde ne hai sempre una pronta all’uso (e il fatto di farti aspettare ti piace perché per te è un modo per farti desiderare).

Qualche minuto di ritardo non è grave, anzi, ma se puntualmente superi la mezz’ora rischi di comunicare all’altro/a una mancanza di rispetto nei suoi confronti.

Per non farti incollare addosso la nomea di ritardataria, irrispettosa del mondo, mettiti sveglie, cannoni, campane e tutto quello che riesce a non farti fare tardi. Farsi attendere può essere un tratto del carattere di una persona che può piacere ma non abusare della pazienza e/o del tempo  altrui.

CASO 2: SEI TU CHE ASPETTI QUALCUNO IN RITARDO

Sei seduto/a in un bar che aspetti: avevate appuntamento alle 19 spaccate, manca qualche minuto all’ora X, controlli nel riflesso della vetrata se i capelli stanno bene, se hai sbagliato a mettere il mascara, se hai la barba ben fatta, se hai qualcosa incastrato tra i denti. Insomma, fai un check completo del tuo look e il tempo passa, finché non ti rendi conto che in effetti avresti avuto il tempo di ripassare per casa e lavarti i denti… lui/lei è in ritardo, dannazione.

Cerchi di ammazzare il tempo scrivendoti la lista della spesa da fare domani, verificare quando hai preso appuntamento dal dentista, controllare le mail, farti una foto da mettere su Instagram, spulciare le tendenze su Twitter.

E ancora niente, non si vede nessuno.

Ormai ti stai spazientendo, non ti sono mai piaciute le persone che arrivano in ritardo e stai pensando di andartene. Decisione radicale? Un po’. Aspetta che arrivi, magari correrà verso di te con un sorriso a 36 denti per farsi perdonare!

COME NON IMPAZZIRE ASPETTANDO UNA PERSONA RITARDATARIA

Se sono 15 minuti che aspetti e già stai impazzendo perché non si vede nessuno all’orizzonte, manda un SMS chiedendo (con gentilezza) dove accidenti è.

Senza scrivere accidenti ovviamente, ma sii diretto/a giusto per capire a che punto del ritardo si trova. Se usi la carta dell’aggressività rischi che giri i tacchi, se resti cortese hai speranze di vederlo/a, ritardo permettendo. Un semplice Ciao, sono al ristorante che ti aspetto! andrà più che bene.

Se ti risponde dicendo che ha avuto un contrattempo (la macchina si è fermata, ha bucato una ruota, è morta la cara, vecchia nonna…) continua ad aspettare.

Come passare il tempo? Prendi il cellulare e chiama qualcuno, gioca a solitario, a Candy Crush, twitta, pinna, fatti un selfie, aggiorna le impostazioni del telefono (tanto è un po’ che ci pensavi…). E abbi fede, il tempo volerà. E vola più in fretta se ordini un calice di vino.

COME NON IMPAZZIRE E BASTA

È pensiero comune che le donne debbano essere sempre in ritardo, che è sexy far aspettare il lui della situazione ad un appuntamento perché gli farà solo capire quanto sei preziosa e che deve trattarti da principessa. Sembra un ragionamento retrogrado, e in effetti un po’ lo è, ma le persone che credono ancora fermamente in questo dogma del ritardo come arma di seduzione sono tante. Sei libero/a di crederci anche tu e di metterlo in pratica, l’importante è non mancare mai di rispetto alla persona con cui hai un appuntamento.

Essere un po’ ritardatari è un’imperfezione che si può sopportare se non si esagera: oltrepassare regolarmente la soglia della mezz’ora non è chic.

Se sono passati 30 minuti e non hai ancora nessuna notizia puoi tornartene a casa. O ha avuto un’emergenza così grave che non ha potuto avvertirti del ritardo (cosa piuttosto improbabile) o ha cambiato idea e non si presenterà. E allora passa oltre! Cosa te ne fai di una persona che nemmeno ha il coraggio di dirtelo in faccia?


Che aspetti? Register

Vi siete conosciuti su Meetic ?

Raccontaci la tua storia!

Non esitare a condividere con noi la tua storia o semplicemente a dare qualche consiglio a tutte le persone che vogliono vivere incontri come il tuo!

Condividi

Scopri gli Eventi Meetic
Scopri gli Eventi Meetic
Events

VOTA

Il medico più sexy: romantico o rude?
© Up To Date - Meetic

Chiudi X

x Proseguendo nella navigazione, accetti l'utilizzo di cookie per realizzare delle statistiche di audience e proporti servizi e offerte adatti ai tuoi centri di interesse, pulsanti di condivisione e di acquisizione di contenuti da piattaforme social. Saperne di più