Incontri Meetic / Benvenuti / Love Your Imperfections / Imperfezione #19: essere disordinati
share on facebook

Imperfezione #19: essere disordinati

In inverno cappotti gettati un po’ dove capita, spesso sulle sedie. Per i vestiti perché usare l’armadio o una sedia sulla quale riporli? Il letto sembra fatto apposta per ospitarli tutti. Il tavolo servirà anche per mangiare, ma è comodissimo anche per appoggiare, e poi lasciare, tutto ciò che deve restare a portata di mano, magari in un cumulo informe. Il pavimento è uno spazio sprecato se lo si usa solo per camminare.

E se hai un ripostiglio, non aprite quella porta! La valanga di cose accumulate dentro nell’ultima occasione importante in cui serviva immediata pulizia, potrebbe uccidere qualcuno.

Se ti ritrovi in questa descrizione sei anche tu un disordinato, una di quelle persone che dona tanta felicità all’universo opposto, quello degli ordinati, che grazie a te possono sentirsi felici, appagati e trionfi pronunciando le parole Ma come fai a vivere in questo caos?

@lanaconda-delrey

Disordinato/a e felice

Tu, invece, non solo ci vivi benissimo, ma nel tuo disordine sei in grado di trovare esattamente ciò che ti serve in tempi non molto diversi da chi è ordinato. Allora perché lo additano come un difetto?

Forse perché non riescono a vedere i vantaggi dell’essere disordinati.

Due dei personaggi Disney più amati di sempre sono Paperino e Pippo, entrambi non certo famosi per l’ordine in casa e in giardino. Eppure non è adorabile Pippo, con la sua casa piena di oggetti inutili e la sua soffitta piena di cimeli appartenenti ai suoi antenati? A quante avventure ha dato inizio nel tentativo (non riuscito) di mettere ordine?

@incomparablyme

A beautiful mind

E poi la scienza parla chiaro: i disordinati hanno una mente più creativa e maggiori capacità di affrontare situazioni nuove. Con questo non è detto che l’ammasso di panni sporchi fuori dal cesto andrà in esposizione in un museo come opera d’arte moderna, e neanche che tutte le persone disordinate sono dei creativi.

Vuol dire che la mente ha una maggiore capacità di trovare soluzioni nel caos.

La capacità di problem solving sul curriculum la mettono tutti, ma essere disordinati è un’ottima referenza. Tu che sei disordinato hai un allenamento di lunga data alle spalle per orientarti nel tuo disordine. È come se tenessi il cervello in esercizio ogni giorno: trovandosi davanti al caos, la mente è costretta a suo modo a fare ordine e a imparare a focalizzarsi solo su quello che interessa in quel momento.

Giphy

 

Improvvisazione? No problem

Questa capacità si trasferisce anche alle situazioni nuove e sconosciute che puoi trovarti a fronteggiare: orientarti in una città nuova, o trarre i punti salienti in una storia che ti racconta un amico. Quello che tutti pensano sia un difetto, il tuo disordine, in realtà può tornare molto utile con soluzioni e consigli che ribaltano il problema e aiutano a venirne a capo. Ricordaglielo la prossima volta che criticano il tuo disordine.

Questa maggiore capacità di improvvisazione non ti abbandona anche nelle situazioni di panico. In fondo tante volte tua mamma è corsa via terrorizzata dalla tua stanza, per te è il tuo habitat naturale, cosa può farti veramente paura?

Anche se a lavoro sarebbe meglio non dare prova del proprio disordine, molti geni del passato è provato preferissero lavorare su una scrivania tutt’altro che ordinata. Albert Einstein è stato uno di loro eppure di certo non si può dire che non fosse produttivo e creativo allo stesso tempo.

Mostra immagine originale

Giphy

 

Sopravvivere in coppia

E se vivessi con qualcuno? Sicuramente la persona con cui condividi l’abitazione potrebbe preferire qualcuno di meno creativo ma più ordinato, soprattutto se il tuo disordine si espande agli spazi comuni. Se ognuno ha la propria stanza il suggerimento è di provare a limitare il tuo essere disordinato solo ai tuoi spazi. Non sempre l’abitare con una persona simile a te è l’unica soluzione.

A volte anche trovare il tuo esatto opposto, un super-ordinato, può creare un equilibrio che prende proprio dalla diversità la sua forza. Un disordinato può aiutare a tenere alta l’autostima di un ordinato o può appagare il suo bisogno di mettere in ordine… mettendo in disordine. L’unico problema è che se un’altra persona facesse ordine nel tuo caos, allora sì che avresti difficoltà a trovare le tue cose.

In quel caso non ti resta che spiegare che tu non sei altro che un diversamente ordinato, mica un caotico. Se si limita ad alzare gli occhi al cielo vuol dire che ha capito che bisogna #LoveYourImperfections

Mostra immagine originale

Giphy


Che aspetti? Register

Vi siete conosciuti su Meetic ?

Raccontaci la tua storia!

Non esitare a condividere con noi la tua storia o semplicemente a dare qualche consiglio a tutte le persone che vogliono vivere incontri come il tuo!

Condividi

Scopri gli Eventi Meetic
Scopri gli Eventi Meetic
Events

VOTA

Il medico più sexy: romantico o rude?
© Up To Date - Meetic

Chiudi X

x Proseguendo nella navigazione, accetti l'utilizzo di cookie per realizzare delle statistiche di audience e proporti servizi e offerte adatti ai tuoi centri di interesse, pulsanti di condivisione e di acquisizione di contenuti da piattaforme social. Saperne di più